Ti andrebbe di fare un viaggio sensoriale con me?

Questo viaggio sensoriale è un esperimento. Sebbene io lo abbia praticato moltissime volte, leggendo i libri dei miei autori preferiti, questa è la prima volta che lo propongo ai miei lettori. Spero che ti piaccia. Goditelo!

L'ho scritto in un pomeriggio di maggio 2020, mentre mi trovavo nel mio giardino.


Se puoi, leggi lentamente e ad ogni frase chiudi per un instante gli occhi, cercando di portare alla tua attenzione ciò che ti sussurrano i tuoi sensi.



Il sole scotta sulla pelle che profuma di cocco.

Il calore della nostra stella più luminosa mi scalda la testa, che si fa sempre più pesante: non riesco a sollevarla dall'asciugamano arancione e soffice che ricopre la sdraio.

Anche il corpo sembra non rispondere più agli impulsi di un cervello combattuto tra lo stare ed il fare, tra l'ozio ed il lavoro, tra il riposo e la fatica. Sono giorni di pre-ciclo e la uso come scusa per restare qui ad occhi chiusi.


Sento tutto.

Sono infinitamente grata ai miei sensi, che funzionano alla perfezione.

Sebbene i miei occhi siano chiusi, riesco a vedere tutto. Potrei spiegartelo, dicendo che posso vedere con gli occhi della mente. Ed è ciò che stai già sperimentando anche tu.


Vedo l'energia del sole che alimenta la Terra;

vedo i merli che cantano sugli alberi;

la gazza ladra che atterra sul suo nido;

due colombacci maschi che combattono per la femmina che attonita resta a guardarli.

Un piccione che tuba.

Una miriade di altri uccelli che cantano in cieli silenziosi, senza uccelli di ferro.

La cappa della cucina del ristorante vicino a casa mia è stata appena accesa.


Grilli.

Sembrano avanzare, man mano che avanza l'ombra del bosco al calar del sole.

Rincorrono la luce stando nel buio, in ciò che è a loro più affine.


Quella zona di comfort in cui anche noi umani sostiamo, quando non vogliamo troppo camminare verso la luce. Fa forse paura?


La mia pelle percepisce la fresca brezza che proviene dal bosco, solo da un lato del corpo però.


Il profumo nell'aria è dolce,

sa di fiori,

di erba,

di corteccia

e di muschio.


Profuma anche il sole:

profuma di aspettative,

di ricordi,

di giornate spensierate,

di un tempo che abbiamo sempre dato per scontato.


Respira e tieni gli occhi aperti.

Puoi avere tutto ciò ogni giorno.

Basta solo volerlo.



L'esperimento è finito. Come ti senti? Spero che ti sia piaciuto. Puoi farlo ogni volta che incontri una descrizione dettagliata all'interno di un libro. Molte volte lo facciamo senza nemmeno accorgercene. Leggere con consapevolezza ci fa godere dell'esperienza a 360 gradi.